lunedì 14 aprile 2008

Acqua di rose


Ieri ho passato una bella domenica in campagna e ho avuto la possibilità di raccogliere delle stupende rose antiche, credo (non vorrei improvvisarmi botanica) di varietà Celestial. Vengo informata da un interessante sito che "la suddivisione tra rose antiche e moderne, è stata definita nel 1915: da questo momento infatti sono nati i primi ibridi di rosa tea, capostipite di tutte le rose create poi di seguito. La rosa tea infatti dà un’impronta decisamente diversa agli ibridi, facendo loro assumere la caratteristica forma di rosa.Le rose precedenti e le rose botaniche (specie spontanee) hanno al contrario mantenuto le originarie forme dei fiori, da quattro a più di cento petali con effetti diversi, ma originali. Le varietà antiche hanno ancora mantenuto i colori pastello e i profumi intensi, per non parlare degli effetti ornamentali anche dopo la fioritura". Per chi volesse approfondire l'argomento rose consiglio un altro sito, la compagnia del giardinaggio.

Il roseto si trovava ai margini di un agrumeto e il colore dei tondi boccioli era di un rosa forte.

Ho raccolto diverse rose e oggi ne ho fatto la preziosa acqua, con la seguente ricetta:


acqua distillata 1 lt

petali di rose a volontà (erano forse dieci, ma molto ricche di petali)

1 cucchiaio di alcool per liquori

semplice procedimento: portare a ebollizione l'acqua e aggiungere i petali evitando di maltrattarli, lasciare in infusione fino a raffreddamento, filtrare, aggiungere l'alcool e conservare in bottiglie opache possibilmente in frigo.

9 commenti:

  1. bellissimo questo blog, con tante ricettine interessanti!
    non sapevo che anche l'acqua di rose si potesse autoprodurre! :)

    p.s.ti ho aggiunta al mio blogroll, spero non ti dispiaccia...

    RispondiElimina
  2. ciao!molto carino questo blog, complimenti!

    RispondiElimina
  3. Ciao, vorrei segnalarti un'iniziativa su Catania che può interessarti: http://twurl.nl/nnzlzg

    Si tratta di una sorta di YouChoose per Catania: poni la tua domanda sulla città alla futura amministrazione e noi la riporteremo, ti risponderanno in una conferenza pubblica in diretta web. Ti chiedo solo di fare la tua domanda, qualsiasi essa sia, e di aiutarci a diffondere il progetto.

    RispondiElimina
  4. ciao volevo chiederti una cosa,l'alcol per liquori nel tonico è necessario? e per quanto tempo può essere conservato in frigo?

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutti!
    @annarita: penso che l'alcool sia necessario come conservante... è una lozione che non dura molto, va utilizzata il più presto possibile...

    RispondiElimina
  6. Ciao Palmy!
    Ho letto il tuo commento e sono felice di aggiungerti al io blogroll :)
    A presto e complimenti per le tue ricettine,
    Patty

    RispondiElimina
  7. ahh che delicata sensazione di freschezza e di leggerezza dona l'acqua di rose alla nostra pelle, attenderò la prossima fioritura in giardino per provare questa tua ricetta... grazie.
    a.o.

    RispondiElimina
  8. ah, palmy, palmy, non darmi questo colpo al cuore, non dire che la tea ha la caratteristica forma di rosa. e allora le miniature persiane, i bordi - di nuovo miniati - dei libri d'ore, le dita delle dame rinascimentali che stringono, sempre, tra le punte, la rosea centifolia?
    la tea la sopporto sì e no con i suoi rami dritti e l'assenza di variegato profumo (non s'è capito?) e ho iniziato ad amare davvero le rose da quando ho scoperto le antiche.

    ma è un tema interessante e complesso, su cui ora ho detto cose troppo arruffate e tagliate.

    PS: bel blog :)

    RispondiElimina

Suggerisci pure!